Manolas: "Alla Roma sto bene. Mai visto un amore come quello dei tifosi giallorossi" | Roma Radio

Manolas: “Alla Roma sto bene. Mai visto un amore come quello dei tifosi giallorossi”

Kostas Manolas

Il difensore della Roma, Kostas Manolas, ha rilasciato un’intervista a Sport24.gr. Queste sono le sue dichiarazioni:

In Grecia non sei amato come a Roma, perché?
“Ho giocato la Coppa del Mondo, siamo andati alla semifinale di Champions League, ho fatto gol decisivi con la Roma e l’Olympiacos in queste competizioni. Non riesco a capire cos’altro fare per avere successo in Grecia. Perché se vedi gli italiani venire a Naxos, sentirai quello che dicono e capirai. Vieni a Roma quando sono fuori e capirai l’amore e il rispetto del mondo”.

Ti alleni l’estate?
“Ogni giorno, la squadra ci dà il programma. Non voglio fare di testa mia. Avevo un allenatore. Ora sto seguendo il programma della squadra”.

Dove andrà Manolas?
“Nella Roma sono molto contento. Ho fatto un ottimo anno, ma personalmente non mi interesso di ciò che dicono i giornali. Ho firmato un contratto soddisfacente, sono molto felice a Roma, mia moglie e i miei figli stanno bene. E questo è molto importante”.

Hai pensato di diventare il capitano della Roma?
“Non ci ho pensato perché ce ne sono molti prima di me. Posso fare il leader, ma non ho mai pensato di mettere una fascia. In nazionale potrei farlo. Torosidis e Papastathopoulos sono davanti a me e sono a posto. Non l’ho chiesto, e non lo chiederò mai. Non mi interessa il ruolo del leader. Sono interessato ad essere un leader nel campo. Questo è quello che conta. Quando finisce una partita, il tuo compagno di squadra si congratula con te. Pensi che a Totti che indossava la fascia importasse? Non gli importava affatto”.

Quando hai capito di essere importante per la Roma?
“Quando dovevo rinnovare il mio contratto. L’ho capito da una conversazione che ho fatto con Totti e Monchi. Ho voluto parlare con Totti perché abbiamo un bel rapporto. Abbiamo parlato e ho capito che sono importante per questo gruppo. Non so se volessero vendermi. Mi hanno mostrato fin dall’inizio la volontà che rimanessi. Si sono fidati di me. Poi, quando ho firmato il contratto, Totti è venuto e mi ha dato un calcio nel culo”.

Perché la Roma è così speciale?
“I suoi tifosi sono qualcosa che non avevo mai visto prima. Non ho mai visto un tale amore per una squadra. Quando la squadra non va bene, la situazione può esplodere. Ma se le cose vanno bene puoi diventare Dio. È il calcio. Ecco perché ti ho detto che lo specchio è il campo. L’unico che non mentirà mai”.

Siamo impressionati da come ne parli…
“Come amore per la squadra, gli italiani non hanno pari. Ma come atmosfera, Karaiskakis è inarrivabile. Tu entri in Karaiskakis e ti vengono i brividi. Quando senti i tifosi dimentichi tutto. Per spiegarti mi sento un pò… come fare l’amore. Mi sento così. Quando mi applaudono ad ogni azione e ad ogni dribbling, mi sento così. Mi dà il 50% in più. Non sento più nulla e mi libero dallo stress”.

Sulla qualificazione con il Barcellona.
“E’ stata una benedizione segnare il ​​terzo gol contro il Barcellona che ci ha portato in semifinale di Champions League, in una partita in cui sei dato perdente. Pensi che hai perso 4-1 e vedi Messi e Suarez. Eppure ci abbiamo creduto”.

Ci credevi?
“Ci ho creduto appena siamo entrati e li abbiamo visti, specialmente nei primi dieci minuti della sfida. Ho visto un Barcellona troppo rilassato e noi stavamo bene tutti, dal primo all’ultimo”.

Lionel Messi come è stato?
“Messi in quel momento era in cattive condizioni. Ma siamo molto bravi”.

Vogliamo descriverlo fin dall’inizio, dagli spogliatoi, cosa dici?
“Quando eravamo nello spogliatoio, c’erano alcuni che ci credevano. Ti dico la verità, io non ci credevo prima della partita. Non ci ho mai creduto. Vincere 3-0 con il Barcellona? Devi essere pazzo. C’è troppa differenza tra noi e loro. Iniziata la partita, dopo il primo gol eravamo dei leoni. Quando abbiamo fatto il 2-0 ero sicuro che ci saremmo qualificati. E ti svelerò una cosa. Quando è stato segnato il secondo gol, io e Fazio eravamo al centro del campo intorno e intorno al 79esimo gli ho detto: “Segno io o tu e passiamo”. E se non ci credi puoi chiederglielo. E alla fine l’ho fatto. Tutto questo è accaduto nel centro del campo. L’ho sentito e gliel’ho detto. In quel momento non potevo pensare che non sarebbe successo. E quando Under è andato a battere l’angolo, ho ricordato che la volta prima l’aveva battuto sul primo palo e colpita la palla sapevo che sarebbe entrata. Ed è per questo che mi sono inserito così. Sapevo che sarebbe stato corto sul primo palo. Di solito non vado sul primo palo. Ho seguito la testa ed è entrata”.

Cosa è successo dopo?
“Niente, in quel momento stavo festeggiando ma era ancora l’82esimo e sapevo che dovevamo tenere. Sentivo che fosse la più grande possibilità della mia vita. Per questo ci siamo uniti e abbiamo tenuto botta in difesa per passare alla fase successiva. Pensa a subire il 3-1 con un mio errore, cosa sarebbe successo?”.

Dopo la partita hai pianto come un bambino.
“Sì, dalla tensione. Una cosa del genere, davanti a 80.000 tifosi della Roma che si abbracciano, festeggiano, si baciano e piangere, non capita spesso”.

Sei stato Imperatore per un giorno a Roma.
“Come dici tu, per un giorno. Mio padre mi ha insegnato a non mollare mai. Infatti qualche giorno dopo abbiamo giocato con la Fiorentina e abbiamo perso 0-2. In un attimo Barcellona era dimenticata. Siamo andati a Liverpool nell’andata della semifinale e ne abbiamo presi cinque”.

Perché è andata così?
“Non eravamo in una buona giornata. Anche se il terzo gol era in fuorigioco e non ci hanno concesso due rigori. Penso che sarebbe andata diversamente. Siamo stati criticati per il 5-2. Sono cose che succedono. Non eravamo una squadra migliore del Liverpool, e si è visto. Potrebbe essere stata inesperienza. Comunque non ci siamo riusciti”.

Non c’è un giocatore che hai pensato di non poter fermare?
“No”.

Neanche Messi o Cristiano?
“Nessuno dei due. Non avrò mai paura di nessuno. E l’ho dimostrato. Anche con Ronaldo e Messi. Ibrahimovic è stato l’avversario più difficile da marcare perché è una montagna. È più forte di me”.

Su Salah.
“E’ un ragazzo fantastico e siamo amici. Ma non ha la qualità di Messi, Cristiano o Neymar. È giovane e gli auguro il meglio”.

Quali allenatori ti hanno più impressionato in carriera?
“Fernando Santos. Lui è un allenatore che pretende il rispetto per il tuo compagno di squadra. C’è sempre disciplina e sa leggere l’avversario. Non mi interessa se vince 1-0. Vince. È un allenatore di successo. Ti metteva fuori se non facevi quello che stava dicendo. Ho un grande rispetto per lui. Tutti e tre gli allenatori avuti Roma sono molto bravi”.

I problemi alla AEK e l’arrivo all’Olympiacos…
“I giocatori non venivano pagati. Il mio contratto era basso e i miei genitori mi dovevano aiutare. Un altro livello l’Olympiacos. Ora l’AEK si trova in una situazione migliore, ma l’Olympiacos ha un centro di formazione, ha un grande centro per l’allenamento. Ha anche un presidente che, se non sei disciplinato, ti manda via. Se non sei bravo e non puoi farcela ti manda via. E così deve essere. Un giocatore non può prendere in giro un club. Perché ci sono milioni di persone dietro una squadra. Non lo accetterei come compagno di squadra e ancor di più come presidente. I giocatori devono rispettare i tifosi e loro noi. Perché ci sono momenti difficili. Se tornerò in Grecia, sarebbe solo per l’Olympiacos. Ho un ottimo rapporto con il presidente. Sono arrivato a zero e rivenduto a 15 milioni perché lui ha creduto in me anche se gli hanno detto di non prendermi perché ero uno stronzo. Era venuto fuori che ero il cattivo”.

Sulla famiglia e il post-calcio…
“Mia moglie sta vicino ai bambini. Sarò un papà migliore quando smetterò. Purtroppo il calcio ti allontana. Sono sempre stato una persona casalinga, non mi piace la vita notturna. Quando posso resto a casa con mia moglie e i bambini. Dopo il calcio verrò a Naxos. Ho investito su un Hotel e costruirò la mia casa qua. Amo la pesca e lo snorkeling”.

Il prossimo passo nella tua carriera?
“E’ normale voler giocare nelle squadre migliori. Barcellona, Manchester United, PSG, Bayern, queste squadre qui. Penso che ovunque vada posso fare la differenza, anche a Barcellona ma non sono mai stato vicino ad un passaggio nei blaugrana”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.